L’emergenza pandemica ha colpito pesantemente i consumi di birra, in particolare nel fuori casa, dove la bevanda a base di malto e luppolo si conferma comunque la più bevuta nel segmento alcolico: 42% delle consumazioni rispetto al 32% del vino e al 26% degli spirits (periodo luglio-novembre 2020, fonte TradeLab).

Il comparto sta comunque dimostrando un grande dinamismo e gli imprenditori del settore, pensando già al post pandemia e alle nuove richieste ed esigenze dei consumatori, stanno avviando progetti e iniziative che hanno come punto di partenza nuove esperienze di consumo e di socializzazione.

Intervento a cura di: Rivista Food Service